N.15 - marzo 2018

GLI AMBASCIATORI DEL CHIANTI CLASSICO

5 nominati ad honorem, dal Canada agli USA, dall’Italia al Giappone.

Ambasciatore ad honorem: non è un incarico da diplomatico, ma il meritato riconoscimento di una vera e propria passione: quella per un vino unico al mondo e per il suo stupendo territorio di produzione, il Chianti Classico Gallo Nero.

Il teatro della Chianti Classico Collection alla Leopolda di Firenze è stato il palcoscenico ideale per la nomina dei primi cinque ambasciatori ad honorem del Chianti Classico, cinque professionisti e opinion leader del mondo del vino, nazionale e internazionale, che hanno contribuito, in modo particolare, con il loro lavoro e con il loro entusiasmo, alla valorizzazione e crescita di notorietà della denominazione Chianti Classico: sono Massimo Castellani (responsabile AIS Firenze, Italia), Jeffrey Porter (Beverage Director, gruppo Batali & Bastianich), Michaela Morris (wine writer e educator, certified Italian wine expert), Michael Godel (wine educator, firma di WineAlign) e Isao Miyajima (giornalista giapponese, esperto di vini e gastronomia).

I neo-nominati ambasciatori sono solo i primi di quella che, ci auguriamo, è destinata a diventare una lunga lista di nomi: “In effetti già questa prima selezione non è stata cosa semplice” afferma il direttore del Consorzio Vino Chianti Classico, Carlotta Gori.
“Sono sempre di più infatti i sommelier e gli opinion leader che apprezzano la denominazione del Gallo Nero e contribuiscono a diffondere e far conoscere le sue qualità nel mondo.”

Il riconoscimento consegnato alla Leopolda si inserisce in un progetto più ampio, denominato “Chianti Classico Ambassador”, finalizzato alla creazione di una rete di Ambasciatori del Gallo Nero nei suoi principali mercati: il primo concorso è stato lanciato dal Consorzio in Canada dove nel corso del 2017 sono stati nominati gli Ambasciatori delle provincie di Ontario, Québec e British Columbia.
In questo caso i candidati, non “ad honorem”, hanno dovuto dimostrare attraverso un vero e proprio “esame” la loro conoscenza della denominazione.
“Presidiando ogni anno i mercati del vino internazionali ci siamo resi conto di quanta conoscenza e affetto ci sia verso le nostre etichette da parte di un pubblico esperto e qualificato” afferma Sergio Zingarelli, Presidente del Consorzio Vino Chianti Classico.
“Abbiamo voluto rendere merito a questi professionisti e al tempo stesso legittimarli a portare in alto la bandiera del Gallo Nero nei propri mercati di riferimento attraverso un progetto a loro dedicato, nella speranza che nei prossimi anni la squadra degli Ambassador si faccia sempre più numerosa”.

Sempre dalla Leopolda il Consorzio ha lanciato la tappa 2018 del progetto che eleggerà l’ambasciatore del Chianti Classico nel suo primo mercato, gli USA.
Come per il Canada, il concorso sarà aperto a giornalisti di settore, wine educator di scuole di formazione alberghiera/enologica, sommelier, responsabili vini in canali HoReCa, agenzie di comunicazione specializzate e centri di formazione sul vino.
Il contest statunitense si svolgerà nel mese di giugno a Chicago.
Qui però accederanno solo i migliori cinque candidati che avranno superato un rigoroso test di ammissione nelle settimane precedenti.

Esperti e addetti ai lavori d’oltreoceano potranno trovare tutte le informazioni su www.chianticlassico.com

Massimo Castellani
Sommelier professionista e consulente enogastronomico. Delegato AIS di Firenze. Un curriculum infinito.
Massimo ha letteralmente girato il mondo per diffondere il messaggio della cultura enologica italiana di qualità, con una particolare attenzione ai vini e al mondo del Gallo Nero.
Numerose le sue pubblicazioni sul mondo del vino, dal 1988 svolge il ruolo di formatore per l’Associazione Italiana Sommelier, in tutto il territorio nazionale.

Michael Godel, canadese, firma autorevole di WineAlign.com, wine educator.
Un grande appassionato non solo di vino ma anche di viaggi, musica e cultura in generale, argomenti di cui scrive sul suo blog godello.ca.
Dopo 25 anni di duro lavoro nel mondo della ristorazione canadese ha appeso definitivamente il grembiule da chef.
Appassionatissimo di Chianti Classico, passa numerose ore della sua vita in volo fra Toronto, sua città natale, e il Chianti.

Jeffrey Porter, americano, ha studiato biochimica nutrizionale.
Dopo varie esperienze nel settore, oggi è il beverage Director del prestigioso gruppo Batali & Bastianich negli Stati Uniti.
Da alcuni anni collabora con il Consorzio Vino Chianti Classico, in qualità di wine educator e opinion leader, per la promozione e diffusione delle caratteristiche uniche dei vini del Gallo Nero nel canale HoReCa americano.

Isao Miyajima è nato a Kyoto in Giappone.
Laureatosi all’Università di Tokyo, dal 1983 al 1989 abita a Roma dove lavora per un quotidiano giapponese.
Durante il soggiorno romano, comincia ad assaggiare seriamente il vino facendo una degustazione settimanale con giornalisti e tecnici italiani.
Tornato in Giappone comincia a scrivere di vini e gastronomia.
Attualmente collabora con varie riviste importanti in Giappone fra cui Winart, The Wine Kingdom, Sommelier, WANDS etc.
È autore del volume “Il vino italiano: manuale per professionisti” che viene aggiornato ogni anno. Ha pubblicato anche un libro sulla cucina italiana “10 piatti per conoscere la cucina italiana”.
È anche presentatore del programma televisivo giapponese “Il viaggio nel grande vino italiano”.
È responsabile dell’edizione giapponese della guida “I Vini d’Italia del Gambero Rosso”. Nel 2014 ha ricevuto un’onorificenza di Commendatore dell’Or-dine della Stella d’Italia dal Presidente della Repubblica Italiana.

Michaela Morris, giornalista e wine edu-cator.
Vive a Vancouver e scrive per varie testate canadesi e internazionali, fra cui Taste, Quench, Meininger’s Wine Business International e Decanter.
In Canada, è giudice in importanti competizioni enologiche e speaker in rinomati wine festivals, come il Vancouver Wine Festival, Cornucopia, Northernlands e Judgement of BC. Ma la sua attività non si ferma in Canada, è svolta a livello internazionale.
Michaela è stata fra i primi a ottenere il riconoscimento di “Certified Italian Wine Expert” da Vinitaly International Academy.
Nel 2017 ha collaborato attivamente con il Consorzio per il lancio del concorso “Chianti Classico Ambassador” in Canada.
Ama viaggiare, in particolare in Italia, e parla perfettamente italiano.