V Granfondo del Gallo Nero
24 settembre 2017

La Toscana, patria del vino e del ciclismo. Le colline del Chianti Classico sono un territorio storicamente vocato per la produzione del vino, come riconosciuto dal bando di Cosimo III che nel 1716 ne definì i confini. Territorio consacrato all’enologia, ma anche capace con la sua bellezza di affascinare gli sportivi, in particolare appassionati di ciclismo, che corrono sulle orme di Gino Bartali.

Dopo il grande successo della Chianti Classico Stage, 9 tappa del giro d’Italia 2016, il territorio è tornato protagonista del ciclismo per la quinta edizione della Granfondo del Gallo Nero il 24 settembre.

Questo anno la Gallo Nero è stata anche tappa del Prestigio di Cicloturismo, il circuito che da 22 anni raccoglie le manifestazioni ciclistiche più importanti a livello italiano. Un riconoscimento importante per la giovane ma già affermata gara ciclistica toscana che punta alla scoperta del territorio del Chianti sulle due ruote.

La V Granfondo del Gallo Nero è diventata quindi tappa di una sorta di  “Giro d’Italia” del movimento amatoriale che annovera tra i suoi monumenti prove come le storiche Nove Colli di Cesenatico, Maratona Des Dolomites di Corvara e Sportful Dolomiti Race di Feltre.

La gara quest’anno ha segnato un autentico record di iscritti, sfiorando quota 2000 (136% in più rispetto allo scorso anno). Si attesta così come la terza Granfondo più partecipata in Toscana.

Netta la prevalenza di atleti da fuori regione, con oltre 1100 presenze da quasi tutte le regioni dello stivale, dalla Valdaosta alla Sicilia (fatta eccezione la Sardegna). La componente straniera è stata consistente, con quasi 100 ciclisti provenienti da 19 paesi, come l’Australia, la Nuova Zelanda, Cuba, Brasile, Danimarca, Inghilterra.

Due i percorsi sono stati apprezzati in maniera uguale dai ciclisti: i più allenati (45%) si sono cimentati nella Granfondo di 133 km (2.675 mt di dislivello complessivo) che ha attraversato prima il fiorentino per poi scendere a sud verso il senese; i restanti hanno optato per un percorso non eccessivamente impegnativo, il Mediofondo di 86 km (1.579 mt dislivello), l’anello nella provincia di Firenze.

Punto di partenza e di arrivo la città di Radda in Chianti, città del vino ma ormai a tutti gli effetti anche  del ciclismo.

Ha tagliato per primo il traguardo il versiliese Marco Da Castagnori, che ha confermato l’assoluto sul medio già conquistato lo scorso anno, mentre sul lungo si è imposto dopo un duello mozzafiato Federico Pozzetto, nome noto ai granfondisti dopo le vittorie di quest’anno. Tra le atlete si è distinta Simona Parente, ex professionista torinese che ha dominato il medio nella Gallo Nero. Si conferma invece il primo posto sul lungo femminile, Debora Morri, già vincitrice dello scorso anno.

Dopo la fatica sui pedali, al Village Gallo Nero, si è dato inizio al pasta party con le eccellenze della gastronomia in abbinamento ai vini Chianti Classico, servito come sempre in calici di cristallo: un’esclusiva della Granfondo del Gallo Nero.

Dedicata al territorio anche la maglia ufficiale della gara: la nuova grafica d’artista ha vestito i primi 1000 partecipanti, che hanno trovato nel pacco gara il jersey tecnico ideato dal designer chiantigiano Francesco Bruni e realizzato da Sportful nel modello Bodyfit. I restanti partecipanti si aggiudicheranno comunque una maglia tecnica della casa sportiva veneta.

Come ricordo della giornata all’insegna dello sport e di uno dei più affermati brand dell’enologia italiana, a tutti i partecipati, insieme alla maglia, rimane il calice del Gallo Nero, emblema di un vino, di un territorio, di uno stile di vita.

Si ringraziano gli sponsor: Sportful, ChiantiBanca, Wilier Triestina, Finocchiona IGP, Olio DOP Chianti Classico, Prosciutto Toscano DOP, Pecorino Toscano DOP, Pane Toscano DOP, Parmigiano Reggiano DOP, +Watt, Selerbe, Mukki, Ghiott, RudyProject, QN – La Nazione.

Si ringrazia la collaborazione del Comune di Radda in Chianti, La Misericordia di Radda in Chianti e l’Associazione Culturale Pro Loco di San Donato in Poggio La Racchetta Onlus, Circolo il Castagno.

La Granfondo del Gallo Nero sostiene Parent Project Onlus, cui è devoluto un euro a iscrizione, e Regalami un Sorriso Onlus, in collaborazione con FotoEventi.